Comune e Ater respingono le critiche: in arrivo 200 nuovi alloggi

0
353

CIVITAVECCHIA – Conferenza stampa del sindaco Antonio Cozzolino quest’oggi per rispondere alle accuse pervenute in questi giorni sull’emergenza abitativa. “Abbiamo fatto questa conferenza per rispondere agli attacchi della stampa in materia di emergenza abitativa, riguardo la costruzione di abitazioni o blocchi di abitazioni – ha infatti esordito il primo cittadino – Vorrei dire che questa amministrazione ha fatto molto in materia di alloggi , molto più di altre amministrazioni. Abbiamo consegnato numerose case dall’inizio del mandato e per quanto riguarda la costruzione di nuove abitazioni la politica del movimento è ‘zero occupazione di suolo’, ma non ci opponiamo ovviamente a delle pianificazioni già avviate in maniera regolare. Questa conferenza stampa è stata indetta soprattutto perché vorremmo parlare di una faccenda non vera, uscita su alcuni dei giornali telematici locali, che riguarderebbe il blocco di 480 alloggi da parte dell’assessore Pantanelli”.

Questo progetto in particolare di cui parliamo e per il quale siamo stati accusati – ha esordito chiamato in causa Massimo Pantanelli sembra non avere le gambe per camminare, lo stesso progetto non è stato bocciato solo da me ma anche A.T.E.R. , che ovviamente ha individuato, così come ho fatto io, varie difficoltà nell’attuazione”

Per quanto riguarda l’operazione di cui si stava parlando, questa è stata proposta due volte – ha spiegato il Commissario dell’Ater Antonio Passerelli – con un progetto interessante, perché quasi 500 alloggi ci fanno gola, ma è stato bocciato tutte e due le volte, perché quella su cui si vuole costruire è un area agricola e noi non possiamo acquistare terreni agricoli, ma solo terreni edificabili 100%. Di torre d’Orlando ne abbiamo già una”

Spesso abbiamo visto palazzi interrotti per mancanza di fondi – ha aggiunto con riguardo alla costruzione di nuovi posti alloggio – e più volte noi di A.T.E.R. abbiamo indetto bandi per comprare e ultimare palazzi in questa situazione, ma non ci ha risposto nessuno”.

Gli edifici la cui costruzione è attualmente in corso (tra cui PZ4, PZ10, PZ11 e sagoma K) comprendono circa duecento abitazioni e una volta ottenuti tutti i permessi burocratici saranno pienamente disponibili. “I tempi sono (rispetto alla fase precedente) paradossalmente molto brevi”. Così brevi che le abitazioni in costruzione in Via Canova, PZ4, e le sagome J e K, “sicuramente verranno ultimate e consegnate ai cittadini entro la fine del mandato dei 5 stelle”, ha concluso il Commissario dell’Ater, la cui situazione di carenza di alloggi è sicuramente aggravata, per stessa ammissione dei suoi rappresentanti, dalla crisi mondiale e dai cambiamenti recenti nel settore dell’edilizia pubblica.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY