Ceccarelli: “Metteremo in sicurezza la zona”

0
151

CIVITAVECCHIA – “Metteremo presto in sicurezza la zona”. Così l’Assessore Alessandro Ceccarelli prova a rassicurare i residenti di via Giordano Bruno dopo il blitz di questa mattina da parte di “Striscia la Notizia”.
“Come neo assessore ai Lavori Pubblici, questa è stata la prima priorità di cui il Sindaco mi ha edotto al momento dell’incarico – afferma – La questione è delicata, molto intricata, e parte da lontano: ci sono infatti allacci abusivi alla volta fognaria, costruzioni che probabilmente in alcuni casi sono abusive e tanti altri problemi che la perizia tecnica del Comune ha evidenziato. E’ anche opportuno ricordare le varie competenze: nell’intervista si è parlato di sicurezza e di problemi di carattere igienico. Vigili del Fuoco e ASL sono a conoscenza della situazione e compiono periodici sopralluoghi per quanto di loro competenza: non può essere il Sindaco o un assessore a giudicare la pericolosità o salubrità dei luoghi. Però voglio rassicurare i cittadini: interverremo e metteremo al più presto in sicurezza i luoghi”.
“Devo altresì sottolineare – aggiunge – che come amministrazione dobbiamo ben bilanciare le due esigenze: quella della città, che vuole veder spesi in maniera oculata i propri soldi, e quella dei cittadini della zona, che vogliono giustamente una rapida messa in sicurezza della zona. Per questo, sulla base del provvedimento del giudice, stiamo predisponendo la messa in sicurezza, con il supporto dell’ufficio tecnico. Al fine di comprendere con certezza se il ripristino definitivo sarà a carico della collettività o degli abitanti della zona, è in corso la richiesta al presidente del Tribunale di concedere con urgenza una perizia tecnica terza ed imparziale (ATP: accertamento tecnico preventivo), per fare una fotografia dello stato attuale della situazione ed evitare che i lavori impediscano la ricostruzione degli avvenimenti. In base alle risultanze di questa ATP il Comune pianificherà i lavori per la risoluzione definitiva che è stata stimata avere un onere economico di più di 700.000 euro”.

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY