Arrestato l’uomo accusato di aver ucciso i due giovani sull’Aurelia

0
684

CIVITAVECCHIA – E’ un operaio di 47 anni residente a Tolfa l’uomo accusato di essere alla guida del Suv che ieri notte ha travolto due ragazzi a bordo di uno scooter lungo la statale Aurelia, all’altezza di S. Severa. L’operaio è stato rintracciato ieri dai Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia al termine di una accurata indagine ed è stato tradotto presso il carcere di Borgata Aurelia, nonostante si sia dichiarato estraneo ai fatti. Il 47enne avrebbe infatti riferito ai militari di aver trascorso l’intera notte a casa per poi accorgersi la mattina che il Suv gli era stato rubato da ignoti la sera precedente. Non sarebbe stato lui, quindi, ma l’autore del furto, a provocare il tragico incidente. Una versione che non ha per nulla convinto i Carabinieri i quali lo hanno arrestato con l’accusa di omicidio colposo e omissione di soccorso. Ed intanto è stata resa nota l’identità delle due povere giovani vittime. Si tratta di Matteo Carta e Alessandra Grande, entrambi 23 enni di S. Severa, che stavano rientrando a bordo dello scooter dal locale dove avevano lavorato. Il Suv, secondo quanto ricostruito dalle indagini, avrebbe improvvisato un pericolosissimo sorpasso di un pullman, invadendo la corsia opposta e travolgendo i due giovani, deceduti insieme in un drammatico destino.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY