Ad ottobre la “Festa della Storia” a Civitavecchia, on line il programma

0
199

CIVITAVECCHIA – E’ online il programma della prima edizione della “Festa Internazionale della Storia” edizione di Civitavecchia che arriva in città da Bologna e dalla sua antica e prestigiosa università, l’Alma Mater Studiorum, dove è nata e che la organizza da sedici anni, grazie alla “Carta d’Intenti” sottoscritta il 20 ottobre 2018 tra il Comune di Civitavecchia e l’ateneo emiliano. A promuoverla e organizzarla a Bologna e in varie città italiane e del mondo è il Centro Internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio, di cui il professor Ronaldi Dondarini e la professoressa Beatrice Borghi sono i co-fondatori, del Dipartimento di Scienze dell’Educazione “Giovanni Maria Bertin” dell’Università di Bologna in collaborazione con docenti di ogni ordine e grado e con operatori di musei, archivi, biblioteche, soprintendenze, associazioni ed enti di promozione culturale, accomunati dalla convinzione che la conoscenza del patrimonio storico e di tutte le sue eredità sia preliminare e indispensabile per la sua tutela e valorizzazione. A caratterizzarla è inoltre la partecipazione di studenti di ogni ordine e grado che contribuendo attivamente alle ricerche hanno occasione di presentare e confrontare i relativi esiti in convegni e incontri con studiosi di fama internazionale.

Il sindaco Ernesto Tedesco e l’assessore alla Pubblica Istruzione Claudia Pescatori, considerato l’alto profilo e spessore culturale dell’iniziativa e anche l’amicizia e collaborazione tra Civitavecchia e l’Università di Bologna e che è tutto contenuto nel titolo di questa prima edizione, “Civitavecchia fa Storia”, un omaggio a quello della prima edizione della “Festa Internazionale della Storia” di Bologna, “Bologna fa Storia”, e già attiva grazie al progetto di indagine e studio archeologico “Acheloo” seguito dal 2017 dal Dipartimento di Storia, Cultura e Civiltà dell’Alma Mater Studiorum, hanno quindi deciso di sostenere la manifestazione che si svolgerà in città dal 14 al 20 ottobre prossimi e che sarà organizzata da associazioni culturali, semplici cittadini, uffici e strutture comunali.

Tredici appuntamenti, coordinati dal Comune di Civitavecchia, che pongono l’attenzione sulla storia di Civitavecchia dalle origini ai giorni nostri, passando per il Medioevo, il Rinascimento, il Seicento e l’Ottocento, dove le scuole saranno parte attiva. “La nostra Festa è un multiforme progetto culturale attivato da un’ampia rete di soggetti uniti dalla volontà di promuovere e diffondere la conoscenza della Storia quale fondamento e fattore di consapevolezza, responsabilità e libertà di scelta” racconta la professoressa Beatrice Borghi, ricercatrice e docente presso l’Università di Bologna e direttore del Comitato Organizzatore della Festa Internazionale della Storia di Bologna. “Si tratta di un evento tra i più importanti presenti nell’attuale panorama culturale in Italia, nato in collaborazione con docenti di ogni ordine e grado e con operatori di musei, archivi, biblioteche, soprintendenze, associazioni ed enti di promozione culturale”, ha poi aggiunto il professor Rolando Dondarini, presidente del comitato organizzatore “e che è riuscita a coinvolgere città italiane e paesi esteri, come la Francia, la Spagna e quest’anno anche il l’Argentina, mentre nel tempo ha ricevuto molti riconoscimenti prestigiosi, tra cui gli Alti Patronati dei Presidenti della Repubblica”.

Tutte le informazioni possono essere trovate agli indirizzi internet
https://site.unibo.it/festadellastoria/it e https://site.unibo.it/festadellastoria/it/programma/festa-internazionale-della-storia-edizione-di-civitavecchia.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY