Pascale: “Lodevole l’iniziativa degli angeli di Civitavecchia… ma se dobbiamo provvedere in proprio perché pagare le tasse?”

0
240

Ho preso visione del nuovo attivismo dei cittadini di Civitavecchia. Come fecero le associazioni Spartaco, Uomo e Natura ed il comitato San Gordiano Boccelle, oggi l’associazione “Gli angeli di Civitavecchia” si mobilita contro il degrado. Ne sono felice. Lo spirito civico è sempre il benvenuto e va sostenuto ed incoraggiato.

Mi chiedo però perché, dato che i cittadini, a proprie spese, mettendo a disposizione della collettività il proprio tempo libero, dovrebbero pagare per dei servizi che svolgono in proprio. Mi spiego meglio: se i cittadini puliscono la città, perché dovremmo pagare la tassa per i rifiuti?

Si dice che il comune interverrà quando sarò pronto il nuovo assetto delle partecipate. Eppure sono passati due anni dal loro insediamento. E non si vede nulla di concreto. Le aziende partecipate hanno molto personale, troppo e questa è la causa dei continui patemi d’animo riguardo ai conti. Possibile che parte di questo personale non possa pulire la città? Possibile che non si riesca ad avere una pulizia almeno decente? Civitavecchia dovrebbe essere, con le vecchie o con le nuove aziende, linda come uno specchio, visto anche che le tasse sono al massimo.

Faccio un invito, senza polemiche che reputo sterili e che di certo non risolvono il problema del decoro urbano. Sarebbe ora che i membri della maggioranza la smettessero di insultarsi con violenza e pesantezza sessista tra di loro e che pensassero a garantire i servizi essenziali ai cittadini. Il ruolo degli amministratori è quello di amministrare, appunto. Lo facciano. E non si aggrappino ai cittadini volenterosi e alle associazioni come dei naufraghi disperati abbracciano un pezzo di legno che galleggia.

Mario Michele Pascale
Consiglio nazionale del PSI
Responsabile nazionale editoria, arti e spettacolo del PSI

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY