La Rosa: “Troppe poltrone per Grasso”. La replica: “Si occupi dei problemi della città”

0
231

CIVITAVECCHIA – Botta e risposta tra il Consigliere Cinque Stelle Rolando La Rosa e Massimiliano Grasso. L’esponente grillino contesta infatti al portavoce de “La svolta” gli eccessivi incarichi ricoperti contemporaneamente. “Negli ultimi tempi – afferma – la campagna mediatica di attacco all’operato dell’amministrazione del Movimento 5 Stelle si è particolarmente intensificata, specie da parte del quotidiano telematico Civonline.it il cui direttore, mi sembra doveroso ricordarlo, è l’ex candidato sindaco ed oggi consigliere comunale Massimiliano Grasso. Le troppe vesti del giornalista Grasso rendono particolarmente difficile capire quando parla, in nome di chi parla. Una volta ci critica in qualità di giornalista, come direttore responsabile di Civonline.it, una volta come consigliere comunale di opposizione, eletto dai cittadini. Impossibile poi dimenticare che il sig. Massimiliano Grasso è anche il responsabile dell’ufficio stampa e della comunicazione dell’Autorità Portuale e fino a poco tempo fa, anche addetto stampa della Fondazione Cariciv, incarico dal quale pare si sia recentemete dimesso (fonte: Il Messaggero). A mio avviso il consigliere comunale Massimiliano Grasso deve scegliere in quale veste fare opposizione: o come rappresentante politico del gruppo ‘La Svolta’, o come giornalista e quindi professionista dell’informazione. Se invece il sig. Grasso – conclude La Rosa – continuerà a ricoprire tutti questi ruoli contemporaneamente, è inevitabile che i vari interessi vadano a collimare fra loro. Ed è inevitabile per i cittadini, me incluso, pensare che la testata giornalistica da lui diretta non faccia libera informazione ma rispecchi semplicemente il pensiero ed il modo di vedere la città di una precisa parte politica: la sua”.
La replica di Grasso ovviamente non si fa attendere: “Credo che per i cittadini di Civitavecchia la veste con cui il sottoscritto farebbe opposizione secondo il consigliere Rolando La Rosa, sia l’ultimo dei pensieri, rispetto ai problemi che affliggono la città. E un consiglio che mi permetto di dare a La Rosa e al resto della maggioranza, anziché perdere tempo con sterili polemiche che non interessano nessuno, è di occuparsi dei problemi di Civitavecchia, senza gradidare ogni volta al complotto o al sabotaggio. Si dia risposta, piuttosto, agli interrogativi che ho rivolto, da giornalista, da consigliere comunale, e da semplice cittadino (tre status che peraltro non mi pare che confliggano tra loro rispetto al diritto di conoscere la verità in relazione all’utilizzo dei soldi pubblici) su perdite idriche e presunti (dalla maggioranza) sabotaggi, stipendi pagati in contanti dal liquidatore di Civitavecchia Infrastrutture, e bonifici da oltre 400.000 euro (alla Unilabor) che non si sa che fine abbiano fatto, con 90 dipendenti ancora in attesa dello stipendio. Anziché tentare maldestramente di spostare l’attenzione su questioni di cui non importa un fico secco a nessuno, anche perché, lo ribadisco, non esiste alcun conflitto di interesse, Sindaco e maggioranza diano risposte ai cittadini, se sono in grado di farlo. così come su Hcs… se fosse vera la notizia del concordato in bianco, ci chiederemmo: un anno e mezzo di lavoro per presentare un piano…. in bianco?”. “Da oggi, poi – prosegue – di interrogativo ne voglio aggiungere un altro: quanto devono ancora attendere Civitavecchia calcio e Cpc per conoscere il loro destino per il prossimo campionato? E’ possibile che un problema posto dai due club fin dallo scorso gennaio, in relazione all’utilizzo e alla gestione del Fattori, ad oggi, nonostante un bando redatto dai tecnici comunali oltre un mese fa, non abbia ancora ricevuto risposta? Siamo a luglio, e probabilmente, le due squadre cittadine più rappresentative saranno obbligate a giocare a Campo dell’Oro e ad allenarsi sulle superfici impensabili del Fattori, prima di non avere più nemmeno quelle a disposizione, quando finalmente (troppo tardi) l’amministrazione si deciderà ad avviare il procedimento ora, a quanto pare, sotto esame da parte di un tecnico di loro fiducia che da circa un mese sta ‘esaminando’ il lavoro dei tecnici comunali. Cosa risponde il solerte La Rosa anche su questo?”.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY