“La questione non è affatto finita e risolta”

0
307

CIVITAVECCHIA – La giornata di ieri ci ha portato indietro nel tempo. Una giornata di lotta che ha spazzato via gli ultimi 30 anni di appiattimento politico e sociale. Un periodo in cui i giovani non avevano più un motivo per ribellarsi e combattere ritrovando la gioia di stare insieme scendendo in piazza per i propri diritti e per la propria dignità. Ieri si è risvegliata finalmente la coscienza di tutta la parte sana del nostro territorio.

Una giornata straordinaria che ha visto sotto la sede del comune di Civitavecchia i lavoratori portuali della Compagnia Portuale e della società Minosse con le loro famiglie insieme ai rappresentanti delle altre categorie operanti nello scalo marittimo. Questo per rivendicare la ferma volontà di non accettare da parte di ENEL il bando di gara che vorrebbe togliere affidandolo ad altri lo scarico del carbone andando palesemente contro le legge speciale n.84/94 che regola il mercato e la competitività all’interno dei porti.

Ma soprattutto ieri si è scesi in piazza per dimostrare contro ENEL che ha, volutamente e senza alcuna logica ragione, rotto il Patto Sociale con il porto e la città. Città che ha pagato e paga tutt’ora un prezzo elevatissimo in termini di inquinamento. Infatti alle mirabolanti promesse economiche in termine di occupazione, la realtà è totalmente differente. Nel corso degli anni abbiamo assistito ad un impoverimento del tessuto imprenditoriale e lavorativo locale che è stato messo in ginocchio dalle continue gare al massimo ribasso del colosso energetico che hanno permesso a ditte forestiere di prendere gli appalti non lasciando di conseguenza nel territorio ne il lavoro e ne l’economia. A tutta questa crisi stiamo inoltre ancora aspettando il famoso sviluppo parallelo tanto decantato da ENEL.

Tutto ciò è inaccettabile. Innanzitutto perché è in contrasto totale con la legge n.84/94 creando un precedente pericolosissimo che porterebbe la portualità italiana alla completa anarchia e al conseguente tracollo, come anche evidenziato duramente da ANCIP.

Dall’altra porterebbe al fallimento delle imprese nel porto come avvenuto per le tante, troppe imprese metalmeccaniche e di pulizia industriale all’interno della centrale di Torre Valdaliga Nord.

Ma il fatto veramente straordinario di ieri è vedere accanto a noi portuali e al sottoscritto l’intera classe Politica, o quasi. Iniziando dal vecchio sindaco e presidente dell’A.P. Gianni Moscherini che ha ricordato alla platea del Patto Sociale di ENEL e della nascita della società Minosse per volontà della stessa. Un fronte unito, in questa vitale vertenza territoriale, che ha visto in piazza rappresentanti di partiti e associazioni politiche che svariano da Potere al Popolo e Rifondazione comunista, passando a Onda Popolare sempre vicina ad ogni nostra vertenza, per proseguire con una parte del PD. Ma il fronte di lotta politica ha visto schierarsi anche parte del centro-destra con alcuni rappresentanze personali e, cosa inaspettata ma che ci ha fatto molto piacere, anche la forza ora governativa della Lega, che attraverso il segretario locale e soprattutto il consigliere regionale Daniele Giannini ha dichiarato il suo pieno appoggio promettendo anche di interessare i Ministeri di riferimento degli “strani” e incresciosi accadimenti che stanno succedendo nel porto e nel nostro territorio. Ma soprattutto la presenza del nostro fratello e vice presidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio che ha parlato alla folla promettendo la massima attenzione delle Istituzioni e dicendo a chiare lettere che non ha bisogno di decidere da quale parte stare perché senza se e senza ma sta con noi. E questo per noi è non solo importante ma vitale. Come fondamentale sono stati gli interventi dei nostri rappresentanti sindacali della FILT CGIL e USB. Ma la gran parte del merito di ieri va ascritta al nostro consigliere regionale Gino De Paolis e comunale Patrizio Scilipoti che si sono battuti come leoni, al tavolo convocato dal Comune, facendo retrocedere, per ora, ENEL dalla propria decisione.

Un ringraziamento speciale infine lo dedico ai nostri fratelli della Compagnia Portuale di Ravenna che ieri sono venuti a far sentire la loro vicinanza e solidarietà e agli uomini delle Forze dell’Ordine che erano a presidio della casa comunale e che sono certo anche loro sono a favore della nostra lotta.

Concludendo dicendo che ieri, grazie a tutti noi, uniti e compatti nelle nostre differenze, abbiamo ottenuto una sospensione della gara illegittima. Ma questa non è una vittoria perché sappiamo bene che “. Infatti in queste ore si sta tenendo presso la Pisana il tavolo speciale convocato per questa questione in cui i nostri rappresentanti sindacali andranno ad esporre la nostra unica ed irremovibile volontà, cioè quella di far annullare definitivamente la gara di ENEL.

Se ENEL continua nella sua immotivata ed irresponsabile volontà nel procedere alla gara illegittima, perché ricordiamolo contra legem, siamo pronti già da questa notte a riprendere lo stato di agitazione che porterà a scioperi e lotte dure.

Ma sia chiaro a tutti che questa non è la nostra volontà. Noi vogliamo solo lavorare e difendere i nostri diritti e la nostra dignità.

 

Enrico LucianiPresidente Compagnia Portuale Civitavecchia

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY