“Invece di dare voti a Confcommercio, D’Antò pensi alle esigenze di cittadini”

0
235

CIVITAVECCHIA – Non si può che rimanere stupiti dalle affermazioni dell’assessore D’antò; il quale continuando nella campagna denigratoria nei confronti di Confcommercio rilascia dichiarazioni per alcuni versi assurde, per altri incomprensibili, assai poco rispettoso del ruolo di una organizzazione di rappresentanza.
Cominciamo dal fatto della presenza di Confcommercio sul territorio.
Già nel passato l’assessore d’Antò, si era avventurato nel dare voti e nell’esprimere giudizi su Confcommercio, in particolare modo sul suo Presidente (che oggi rivaluta giustamente); Confcommercio ha fatto sempre e comunque sentire la propria voce, da soggetto politico autonomo, che dialoga con tutti ma che decide in base alle esigenze della categoria.
Invece di dare voti a Confcommercio, pensi alle esigenze di cittadini, imprese e lavoratori, che hanno affidato i propri voti per politiche di sviluppo, che non mi sembrano ancora presenti a Civitavecchia.
Per quanto poi riguarda la situazione del mercato, il novello volterriano D’antò, pensa di essere “nel migliore dei mondi possibile”.
Come se non sapesse (lo invitiamo a farsi un giro), della situazione di degrado della “palmetta”; che siamo al quarto anno di una interminabile ristrutturazione, e quattro anni di incertezza possono decretare la fine di una impresa; che a ieri nessuno aveva convocato nessuna riunione per delineare tempi e modalità di una situazione ormai scandalosa da un punto di vista economico e gestionale; che da anni ci troviamo davanti ad un chiacchiericcio infinito della politica.
Dopo la manifestazione, è avvenuta la convocazione, e di questo ce ne rallegriamo.
Quello che sconcerta nelle parole dell’assessore, sono in particolar modo, le affermazioni riguardante le modalità della protesta.
Sembra di essere tornati al minculpop, quando si afferma che bisognava sentire prima l’autorità; come per una qualsiasi manifestazione, pacifica, bisognasse chiedere il permesso a qualcuno. La manifestazione faceva seguito ad una lettera degli operatori, a supporto di una richiesta di incontro.
L’assurdo viene sfiorato quando si afferma l’importanza delle associazioni di categoria; ricordo all’assessore delle sue affermazioni scorrette relative al presidente di confcommercio, a riguardo dei dehors, ma ricordo altresì che nel momento in cui venne presentata la manovra “lacrime e sangue” non si sentì il bisogno di convocare le organizzazioni di categoria, che forse avrebbero spiegato che con l’aumento delle tasse e dell’imposizione fiscale si decretava la fine delle imprese. E che almeno all’aumento allucinante di tassazione corrispondesse una maggiore qualità dei servizi, mai avvenuta.
Siamo felici della convocazione, a ridosso della manifestazione di Confcommercio, siamo pronti a dare il nostro contributo di idee e proposte e siamo pronti al dialogo, con chi rispetta ruoli e logiche democratiche ed accetta anche manifestazioni di dissenso.
In particolar modo da operatori del commercio, da imprese familiari che da quattro anni rischiano la fine della propria azienda per le incapacità della politica;e che alla politica chiedono da anni solo ed esclusivamente certezze nei tempi: niente altro.

Tullio Nunzi – Confcommercio Roma

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY