Grasso lancia “La Città che vogliamo”

0
201

CIVITAVECCHIA – “Un laboratorio senza etichette politiche, aperto a tutti, per rimettere in moto idee, proposte e voglia di partecipare per costruire insieme la Città che vogliamo per le future generazioni”. Massimiliano Grasso, rappresentante della costituenda associazione VISION2030, descrive così il senso dell’iniziativa “La Città che vogliamo” – Idee a confronto, che si terrà sabato 25 giugno dalle 9 alle 13 all’Hotel San Giorgio di Civitavecchia, in viale Garibaldi 34.
“Già da alcuni giorni – spiega Grasso – stiamo promuovendo il workshop, invitando chiunque abbia un’idea o una proposta per la città ad iscriversi sul sito www.civitavecchia2030.it (Facebook: Civitavecchia2030) e a partecipare sabato mattina all’evento che sarà diviso in due parti”.
Il programma della giornata prevede dalle 9 alle 11 discussioni e confronti in tavoli a tema su: Urbanistica, Ambiente e Pianificazione del territorio; Lavoro, Sviluppo, PMI, Progetti europei; Sociale, Salute / Sport; Giovani, Cultura, Formazione, Scuola; Turismo, Commercio, Servizi locali; Smart City, Legalità, Sicurezza, Innovazione, Semplificazione.
A seguire, fino alle 13, interventi in “plenaria” di rappresentanti istituzionali, associazioni di categoria, organizzazioni sindacali, terzo settore e semplici cittadini.
“Sono numerosi i semplici cittadini – riprende Grasso – ma anche i rappresentanti istituzionali, a partire da diversi sindaci del comprensorio, che si sono già iscritti. L’importante è che dai tavoli di confronto, ciascuno dei quali sarà moderato e “stimolato” da uno dei fondatori dell’associazione, che sarà formalmente registrata nei prossimi giorni, emergano le proposte che poi saranno esposte nella sessione pubblica, a partire dalle 11. Il convegno vuole essere un punto di partenza per dare vita ad una piattaforma di idee che poi sarà messa in rete sul sito Civitavecchia2030.it per essere “alimentata” con altre idee e proposte e dall’autunno ciascuno dei temi dei 7 tavoli di sabato sarà oggetto di un convegno dedicato in cui approfondire le tematiche e le proposte, argomento per argomento. Il fine ultimo è quello di avere una base di confronto, dialogo e discussione condivisa dal basso con associazioni di categoria, forze sociali ed istituzioni per cercare di avviare, partendo dalla situazione attuale a cui pure si cercherà di offrire risposte e soluzioni per i problemi sul tappeto, una vera programmazione di lungo periodo per il futuro della città, senza essere costretti sempre a ragionare su orizzonti temporali di brevissimo respiro o sulla quotidianità dei problemi”.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY