“Giù le mani dalla nostra città”

0
260

CIVITAVECCHIA – In questi giorni si è molto parlato di ambiente, cosa doverosa in una città come la nostra.
Riteniamo di non poterci esimere dal prendere posizione su questo tema. Come giovani, prima ancora che appartenenti ad un’organizzazione politica, siamo convinti che ci siano stati negati dei diritti fondamentali: il diritto a vivere in una città sana e pulita; il diritto a vivere in una città in cui non si abbia paura dei risultati delle analisi di routine già a 20 anni; il diritto a vivere in una città in cui non si abbia paura di ricevere una telefonata che ci informa di un amico o un parente, l’ennesimo, che sta male.
Come giovani abbiamo ereditato una situazione drammatica e apprendere dalla stampa che Civitavecchia “non è poi tanto inquinata” ci indigna, ci fa arrabbiare perché gli errori di chi è più grande di noi sono ricaduti sulla nostra generazione nel peggiore dei modi: sulla nostra salute.
Se da un lato non possiamo fare nulla per ciò che abbiamo ereditato, dall’altro ci batteremo in ogni modo su quanto sta succedendo ora e potrà succedere.
A tal proposito annunciamo gia da ora che faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità, anzi di più, per evitare la costruzione dell’ossidatore termico in una città che dal punto di vista ambientale ha dato davvero troppo. Ovviamente, tenteremo in tutti i modi di incalzare chi ha ruoli istituzionali e pertanto dovrebbe essere in grado di tutelare il nostro territorio.
Non accettiamo più di sentire frasi come “carbone pulito” o “sforamenti limitati” perché sono un insulto a tutti coloro che sono in un letto d’ospedale o non sono più con noi, è un insulto alla nostra intelligenza e un insulto ai più giovani che pagano sulla loro pelle le scelte scellerate di qualcun altro.
Giù le mani dalla nostra città.

Giovani Democratici di Civitavecchia

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY