Fumata nera per i lavoratori di Mondo Convenienza: “Un’azienda spietata”

0
315

CIVITAVECCHIA – Fumata nera dal secondo vertice tra UGL e Mondo Convenienza svoltosi ieri presso la sede del sindacato alla presenza di tutti i lavoratori e del Consigliere comunale di minoranza Massimiliano Grasso. Un incontro in cui l’azienda ha confermato la sua netta chiusura a tutela dei dipendenti, il cui futuro ora si fa decisamente denso di nubi nere.

“Abbiamo assistito – afferma il responsabile confederale Ugl di Civitavecchia Fabiana Attig – ad una vera e propria condotta menefreghista e opportunista, con un atteggiamento che ha da subito indispettito i presenti. Nessuna apertura alle tante ipotesi prospettate di reinserimento lavorativo per i 19 dipendenti. Rispetto all’individuazione delle 15 posizioni a tempo determinato, già in scadenza a fine ottobre, di Fiumicino, Viterbo e Roma Aurelia, la Società ha risposto che in quelle sedi a scadenza dei suddetti contratti, non sarà più assunto altro personale. Una chiusura totale ad una congrua soluzione e di facile applicazione, se solo ci fosse stato il minimo rispetto dei lavoratori e della loro storia in Mondo Convenienza da parte dell’azienda. Abbiamo sottolineato come le ragioni sulle perdite strutturali del punto vendita di Tarquinia addotte dalla Società, non soltanto non convincono, ma non trovano riscontro nella realtà dei fatti”.

“L’UGL non starà certo silente nei confronti del ‘Magnate del Mobile’ Gian Battista Carosi – prosegue la Attig – Come è possibile dichiarare che dal 2011 al 2016 il punto vendita di Tarquinia era fortemente in perdita quando per lo stesso periodo si riscontra che il costo del personale è mediamente costante se non addirittura più basso circa 2 milioni, mentre i costi strutturali per lo stesso periodo da 13 milioni passano a circa 21 milioni? Non soltanto, qual è stato il senso logico di aprire a Viterbo ad ottobre 2017 un altro punto vendita in netta concorrenza con Tarquinia, in perdita, ed inserire ben 38 unità lavorative quando già si sapeva della imminente chiusura di Tarquinia? Perché 19 posti dei 38 non sono stati riservati ai lavoratori di Tarquinia che a loro vantaggio avevano un’esperienza di settore ultra ventennale?”.

Dubbi questi – va avanti la Attig – che per questa o.s. gettano una gigantesca ombra sul modo di operare del Colosso del mobile. Nessun lavoratore in tutto il territorio nazionale di Mondo Convenienza è al sicuro. Nessuna programmazione, nessun piano industriale, solo una semplice comunicazione verbale di chiusura. Lo spietato quanto mai irriconoscente gruppo facente capo a Carosi sfrutta i territori facendo cassa con i lavoratori per poi gettarli via nella disperazione più assoluta. Come per le lavoratrici di Tarquinia, soprattutto verso quelle sole (monoreddito) con minori disabili. Nessuna pietà per loro, nonostante quanto disposto dall’art. 33 Legge 104/92. Una Società ‘matrigna’ che non vuole mostrare alcuna gratitudine verso chi, oltre 20 anni fa, ha contribuito al successo del Carosi. Parliamo dello stesso personale degli anni in cui iniziò con i magazzini la ‘Stalla’. Nessuna gratitudine, nessun rispetto. Soltanto una biasimevole quanto mai offensiva offerta economica a fronte di un trasferimento, leggasi licenziamento. Al massimo 13 mila euro da riparametrare, ovviamente, in base alla percentuale di prestazione oraria. Questo è quanto è disposto a sborsare colui che ha festeggiato, poco tempo fa il Miliardo di Euro di Fatturato”.

L’UGL contesta l’intera gestione della procedura da parte della Società e, in particolare, “l’irricevibile indicazione dei trasferimenti indicati alle lavoratrici”: Verona, Cremona, Lissone, Trezzano, Moncalieri, Settimo Torinese, Pisa, Prato, Marcianise, Colonnella, Lecce, Rimini, Sassari, Cagliari, Catania, Pescara, Pompei (di prossima apertura).

“Per quanto ci riguarda – conclude la Attig – possono attendere tranquillamente nel frattempo sarà nostra premura allertare ed informare tutti i lavoratori di ‘Mondo Sofferenza’”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY