Anche l’assemblea nazionale di Fridays for Future dice no alla centrale a gas a Civitavecchia

0
428

CIVITAVECCHIA – Si è parlato anche della paventata realizzazione di una centrale a gas a Civitavecchia durante l’assemblea nazionale del Movimento Fridays for Future svoltasi a Napoli nei giorni 5 e 6 ottobre. Merito dei grazie ai giovanissimi ragazzi di Fridays for Future Civitavecchia che, attraverso una lettera ai loro compagni di tutta Italia, hanno raccontato la drammatica situazione vissuta da anni sul nostro territorio proponendo che le prossime mobilitazioni nazionali del movimento contestino apertamente i piani di Enel esprimendo un no secco alla possibilità di realizzare nuove centrali a gas sul territorio nazionale.

A darne notizia, esprimendo la propria soddisfazione per questo risultato politico, è la sezione locale di Potere al Popolo.

“La battaglia contro questi piani di finta transizione ecologica dettati esclusivamente da ragioni di mercato sta quindi assumendo un carattere nazionale – commentano in una nota gli esponenti di PaP Civitavecchia – Auspichiamo perciò che i ministeri competenti blocchino immediatamente l’iter autorizzativo che si è già avviato per la realizzazione di nuove centrali a gas, che si provveda subito a stanziare fondi pubblici per la riconversione occupazionale nelle aree in cui insistono le centrali a carbone, che Civitavecchia venga risarcita dallo Stato attraverso la realizzazione in loco di fondamentali infrastrutture portuali utili al rilancio occupazionale dell’intero comprensorio e che si valorizzino finalmente le vere vocazioni della nostra zona. Se così non fosse, se si dovesse ancora continuare ad assecondare i piani spregiudicati di Enel, ci troveremmo di fronte ad un mostro tricefalo in grado di compromettere per i prossimi 20 anni gli equilibri occupazionali, ambientali e sociosanitari dell’intero comprensorio. Se così non fosse, la risposta ad Enel ed ai suoi complici non potrà che varcare i confini della nostra martoriata città”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY