Amministrazione e Comitato interprofessionale a confronto, obiettivo: velocizzare la burocrazia

0
225

Si è svolto nei giorni scorsi l’atteso incontro richiesto dal Comitato Interprofessionale all’Amministrazione Comunale di Civitavecchia presso l’Aula Cutuli, presenti, con il sindaco Antonio Cozzolino, l’assessore Massimo Pantanelli, i consiglieri Francesco Fortunato ed Emanuele La Rosa, i dirigenti dei Servizi Urbanistica e Lavori pubblici, ingegneri Gaetano Pepe e Pierluigi Carugno.
Nel confronto, quanto mai costruttivo, tra l’Amministrazione e il Comitato -costituito da architetti, ingegneri, geometri, avvocati, CNA e CGIL- sono stati analizzati tutti i punti proposti, sia quelli riguardanti le pratiche dell’Ufficio urbanistico, sia quelli relativi all’Ufficio tecnico e ai lavori pubblici.
Il Comitato ha offerto la disponibilità a un lavoro da svolgere di concerto con i tecnici e l’assessore per individuare le opportunità per rendere più fluido e veloce l’iter burocratico delle pratiche, con l’obiettivo di arrivare al rispetto della tempistica, elemento di estrema importanza in questo momento per la città.
“Si è convenuto – riferisce il Comitato Interprofessionale – che avere una unità di intenti per affrontare questo momento di crisi economica, sia estremamente importante, quindi si andrà alla costituzione di tavoli tecnici che, oltre a coadiuvare il normale iter amministrativo delle pratiche, svolgeranno un lavoro propositivo sulle esigenze del territorio e l’eventuale organizzazione del tessuto economico. E’ fondamentale che ci sia sinergia tra Amministrazione, progettisti e imprese nell’affrontare il lavoro quotidiano, ma soprattutto nel progettare quello che accadrà domani nel nostro territorio, fermo restando che le scelte politiche spetteranno comunque all’Amministrazione della città. L’Amministrazione comunale e il Comitato Interprofessionale, a partire da metà luglio, inizieranno gli incontri di lavoro, sicuri che la crescita della città non può prescindere da un sereno confronto con tutti gli operatori economici e da un duro lavoro che andrà affrontato”.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY