Razzismo in diretta, la Tv Svizzera licenzia l’ex azzurro Eranio

0
681

Il “fattaccio” è avvenuto ieri sera. L’ex centrocampista del Milan è stato più volte ospite in studio durante le dirette televisive delle partite di Champions League. Ieri sera, durante la pausa del match Bayer Leverkusen-Roma, l’ospite, pronunciava le frasi incriminate soffermandosi su un gol della squadra tedesca. Come comunicato dalla televisione stessa, riferendosi all’errore di un difensore della Roma, Eranio ha sostenuto che “i giocatori di colore, quando sono sulla linea difensiva, spesso certi errori li fanno perché non sono concentrati. Sono potenti fisicamente (…) però, quando c’è da pensare (…) spesso e volentieri fanno questi errori”. Pare che tra l’altro questo non sia il primo passo falso del già nazionale italiano. “Dopo avere attentamente valutato la portata di questo commento – ha comunicato la tv svizzera – del tutto incompatibile con le regole e la deontologia del Servizio pubblico e preceduto da un’altra affermazione dello stesso tenore fatta da Eranio durante l’incontro Manchester City-Juventus del 15 settembre scorso, la Direzione della RSI ha deciso di interrompere immediatamente la collaborazione con Eranio stesso.” I personaggi esposti all’opinione pubblica, secondo Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, “devono mantenere un comportamento esemplare specie quando si tratta di opinioni che fomentano anche implicitamente sentimenti di disuguaglianza e quindi è corretto che siano puniti quando tengono questi comportamenti”.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY