Al Teatro di Tarquinia l’Orchestra Sinfonica Europa Musica e il Coro Lirico Italiano

0
177

TARQUINIA – Il Teatro Comunale Città di Tarquinia, sabato 30 marzo alle ore 21:30, apre il sipario e il palcoscenico all’Orchestra Sinfonica Europa Musica, composta di 60 elementi e diretta dal M° Francesco Traversi, e al Coro Lirico Italiano sotto la conduzione del M° Renzo Renzi. L’Orchestra Sinfonica è una delle orchestre sinfoniche più rappresentative del Lazio.

Uno spettacolo appassionante e unico con una orchestra sinfonica, un coro lirico e quattro solisti, provenienti da importanti teatri italiani e stranieri come “La Fenice” di Venezia e L’Opera’ de Paris solo per citarne alcuni, che si alterneranno in arie, duetti e concertati, tratti dagli episodi delle più celebri opere del repertorio del melodramma italiano. Un divertente ed emozionante viaggio tra gli eroi del teatro in musica creati dalla fantasia di Rossini, Bellini, Donizetti, Puccini e soprattutto Verdi al quale è dedicata l’intera prima parte. Il meglio della tradizione italiana riletto in una chiave particolare.

Tra la prima e la seconda parte, in prima mondiale, sarà eseguito il brano lirico “L’Infinito” , composto dal M° Traversi sui versi di Giacomo Leopardi a 200 anni esatti dalla prima stesura della celeberrima poesia. Probabilmente come nessun altro poeta, Leopardi seppe comporre versi così intimamente musicali. Difatti, sulla musica Leopardi ragionò diffusamente già dalla redazione dello Zibaldone. Di essa scrisse: “Le altre arti imitano ed esprimono la natura da cui si trae il sentimento, ma la musica non imita e non esprime che lo stesso sentimento in persona… la poesia per esprimere «il vago e l’in¬finito del sentimento» deve «applicarsi a degli oggetti» perdendo di immediatezza rispetto alla musica”.
E proprio ne “L’infinito” affiorano più compiutamente questi aspetti e riflessioni. Infatti, come l’esclusione dell’orizzonte alla vista del poeta gli consente di “fingere” nel pensiero “interminati spazi” e “sovrumani silenzi”, così accostando “quello infinito silenzio” alla “voce” del vento gli “sovvien l’eterno”.
Ne scaturisce allora che la sensazione uditiva del vento stimo¬la la percezione dell’eternità, a cui il poeta non può approdare attraverso la poesia: ad essa è invece destinato il ragguaglio dell’esperienza vissuta, preservata così dall’oblio del tempo.

L’evento è organizzato dal Comune di Tarquinia in collaborazione con Europa Musica, produzione musicale che ha ospitato artisti di fama internazionale, ne citiamo alcuni: Salvatore Accardo, Uto Ughi, Michele Campanella, Claudio Scimone. La produzione è inserita nel panorama musicale del Lazio e gode di un riconoscimento artistico internazionale, si è esibita con i suoi organici in diverse importanti Sale da Concerto rinomate, in molti paesi esteri: Dublino, Mosca, Cannes.

Il Coro ha un organico stabile di circa 40 elementi, innumerevoli le partecipazioni a stagioni liriche in teatri di tradizione tra i quali il Comunale di Bologna, il Rendano di Cosenza, il Politeama di Lecce, il Teatro dell’Unione di Viterbo, Torre del Lago, Pescara, Trapani, Enna e all’estero in paesi quali gli Stati Uniti d’America, Francia, Irlanda, Spagna, Austria, Malta, Federazione Russa e Tunisia.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY