Una lezione d’altri tempi per gli studenti dello Stendhal

0
221

CIVITAVECCHIA – Annusare, toccare, osservare i colori, comprendere attraverso i sensi la qualità di un prodotto. Un modo di imparare nuovo, anzi forse antico, è stato proposto agli studenti dell’Istituto Stendhal, indirizzo Turistico “Croce” e Alberghiero “Cappannari” dal dottor Massimo Bistacchia, biologo marino convertito all’agricoltura e promotore della cooperativa Orti dei Terzi. Munito solo di una lavagna tradizionale e di una cassetta di prodotti della terra il dottor Bistacchia ha condotto gli studenti attraverso i vari tipi di coltivazione soffermandosi sull’importanza dell’agricoltura biologica e biodinamica. La lezione, che si inserisce nella macro area Ambiente e Territorio che la vicepreside Professoressa Alessandroni realizza in collaborazione con l’Associazione Scuolambiente, ha poi percorso i temi del turismo gastronomico e della sostenibilità. “L’Italia è la terra della ricchezza dei prodotti agricoli e della biodiversità” ha detto il dottor Bistacchia agli studenti “abbiamo una varietà infinita di ortaggi, frutti e modi altrettanto infiniti di valorizzarli nella cucina, per questo dobbiamo preservare questa nostra ricchezza, imparare a conoscerla e a riconoscerla nei mercati, quando andiamo a fare gli acquisti”. La professoressa Alessandroni ha sottolineato l’aspetto della commercializzazione dei prodotti, della filiera a chilometro zero e della sostenibilità ambientale. “Lo scopo del nostro progetto è quello di creare una sensibilità ai temi ambientali, aiutare gli studenti a sviluppare un consumo consapevole e maturo. Il futuro di questi ragazzi è legato al modo in cui sapranno gestire le risorse, il loro futuro lavorativo alla capacità di riconoscere un buon prodotto. E’ quello che la scuola si propone di offrire loro”.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY