Oltre il muro, le fotografie di Lisistrata Simone in mostra a Sala Ruspoli a Cerveteri

0
121

CERVETERI – Sabato 4 e domenica 5 febbraio in Sala Ruspoli si terrà la mostra fotografica ‘Oltre il muro’, organizzata dall’artista Lisistrata Simone, artista già molto apprezzata e conosciuta per i suoi lavori fotografici imperniati sui riflessi e sulle suggestioni prodotte dalle ombre, per i suoi reportage di viaggi e incontri fatti negli anni.
In queste due giornate la fotografa, residente a Cerveteri, espone 58 scatti legati al tema del muro. Ingresso gratuito.
La mostra sarà visitabile sabato dalle 17.30 alle 20.30 e domenica dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 17.30 alle 20.30.
“Un nuovo appuntamento dedicato all’arte impreziosirà il week end di Cerveteri – ha detto Francesca Pulcini, Assessora alle Politiche culturali – invito tutti gli appassionati d’arte a visitare questa mostra, dove l’artista Lisistrata Simone espone e vuole condividere con il pubblico la propria arte e la propria passione per la fotografia e per tutto ciò che ci circonda”.
“L’idea di questa mostra ‘Oltre il muro’ – spiega Lisistrata Simone – è nata dal bisogno di voler vedere oltre il confine a volte più mentale che fisico che ci separa dagli altri. Attraverso i miei scatti vorrei condurvi in un percorso che vuole essere una riflessione sul tema della separazione. Il ‘muro’ visto come qualcosa che si erge davanti a noi ci può dare un senso di sicurezza, ma ci conduce anche alla chiusura che ci porta inevitabilmente all’isolamento. Soltanto nel momento in cui si accende in noi la spinta, la curiosità, il coraggio di superare il muro si apriranno nuovi confini e lo spazio che ci circonda ci porterà ad incontrarci con chi si trova dall’altra parte. Attraversando quel muro potremo allora comprendere cosa c’è oltre”.
La mostra si suddivide in tre parti. Nella prima sala del percorso espositivo “il muro separazione di un paese” il visitatore ripercorre con gli scatti l’esperienza di viaggio della fotografa in Terra Santa, un paese dove anni di conflitti ancora irrisolti hanno portato alla costruzione di un muro lungo 700 km, camminando da una parte all’altra del muro incontrando persone e luoghi che nonostante le divisioni costruite dall’uomo sono uniti nel profondo dalla loro storia.
Nella seconda sala “Il muro incontro d’arte” attraverso le fotografie di murales e graffiti, lungo le vie di Roma, Napoli, Orgosolo, Tinnura, si riflette su come il muro non è qualcosa che separa, ma una forma di comunicazione, un mezzo su cui annotiamo i nostri pensieri, i nostri racconti di vita quotidiana, sotto forma di scritti, disegni, pitture, una forma d’arte aperta a chiunque si trovi a passare in quel luogo.
Il viaggio espositivo si conclude nella terza sala, la più raccolta, “Oltre il muro la natura” con alcuni scatti fotografici di Lisistrata dove è la natura che diventa protagonista, ci ritroviamo immersi nelle luci e colori della natura.

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY