Due settimane di alternanza scuola-lavoro con le aziende del territorio per gli alunni del “Croce”

0
197

CIVITAVECCHIA – La scuola italiana sta affrontando una serie di cambiamenti tra i quali un ruolo rilevante è rivestito dall’Alternanza scuola-lavoro. Nel triennio finale delle superiori gli alunni devono avere maturato esperienze nel mondo lavorativo per almeno 400 ore, uno dei requisiti per l’ammissione all’esame di stato.
Gli istituti professionali sono stati i pionieri dell’Alternanza scuola-lavoro ed un ruolo molto attivo nella nostra città e nel territorio lo ha svolto l’istituto “Benedetto Croce”, oggi trasformato in istituto Tecnico per il Turismo: unico a Nord di Roma.
Dopo un’estate trascorsa presso agenzie ed enti, gli studenti delle classi III e IV del “Croce” hanno iniziato l’anno scolastico con due settimane di tirocinio per consolidare la preparazione professionale e culturale che li contraddistinguerà come futuri “tecnici del turismo”.
In un paese come l’Italia, che possiede il 70% del patrimonio artistico mondiale, in un comprensorio ricco di beni culturali e in presenza di un porto leader nel crocerismo, una scuola turistica può costituire un investimento per il futuro lavorativo dei giovani.
Alberghi ed hotel: “Hotel Traiano”, “Le Tamerici”, “Hotel Mediterraneo”, “Hotel de la Ville”, “Cavalluccio marino”, “Sunbay”, “S. Giorgio” “Enterprise”; Agenzie marittime: “Ant. Bellettieri ” e “Cambiaso e Risso “; aziende quali “Lazio Service”, “Palma’s”, “Serendipity”, “Deposito Tabacchi”, “S.N.C.”, ; agenzie di viaggio: “Sigmatour”, “Pavantur”, “Le marmotte”; studi commercialistici: “Forno” e “Rizzitiello”; settore assicurativo: “Sara”; associazioni: “AVIS” e “UISP”; cooperativa COOPCULTURE- Museo di S.Severa.
“Grazie a tutti loro – spiega il Dirigente scolastico Prof.ssa Stefania Tinti – è stato possibile realizzare per 70 alunni un percorso di alternanza scuola-lavoro efficace e formativo dal punto di vista professionale ed umano. La risposta della città e del territorio è stata ancora una volta generosa e determinante per la crescita dei ragazzi che meritano attenzione e disponibilità, entrambe dimostrate dai tutor e dalle aziende. La scuola chiede e il mondo del lavoro, delle imprese, delle associazioni risponde in modo sempre maggiore”.

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY