Chiara Bordi incontra i ragazzi ospiti de “Il Ponte”

0
328
*** EXCLUSIVE - VIDEO AVAILABLE *** UNKNOWN - UNDATED: A recent modelling shot of Chiara Bordi in a white dress, showing her crystal prosthetic A TEENAGER who lost her leg in a road accident now slays in a crystal encrusted prosthetic - and it's helped land her a job as a model. Five years ago, Chiara Bordi, from Tarquinia, Italy, was involved in a terrible moped accident, that lost her her leg. But instead of hiding her prosthetic from the world, the 17-year-old proudly wears a prosthetic covered in sparkling crystals. **CONDITIONS OF USAGE: For more information on Models of Diversity, visit: www.modelsofdiversity.org** PHOTOGRAPH BY Barcroft Images (Photo credit should read Barcroft Images / Barcroft Media via Getty Images)

CIVITAVECCHIA – A conclusione delle manifestazioni per il quarantennale della sua fondazione l’”Associazione Il Ponte – Centro di Solidarietà di Don Egidio Smacchia” ha ospitato presso la Comunità di Via Veneto la Miss Chiara Bordi, di Tarquinia, che ha incontrato i ragazzi e le ragazze che seguono il programma terapeutico per minori e adolescenti nella struttura, nonché le mamme con bambini del “Programma Coccinelle”.

L’incontro si è svolto nell’ambito del progetto “Da problema a risorsa”: con grande forza e coraggio la ragazza tarquiniese ha raccontato la propria drammatica esperienza di vita.

La narrazione è iniziata dal tragico incidente in scooter avvenuto nel 2013, quando lei aveva 13 anni, che le causò l‘amputazione parziale di un arto inferiore. Nella sofferenza ha trovato la forza di riemergere, anche grazie alla vicinanza della famiglia, e come una fenice è rinata portando con sé il desiderio di vivere e di trasmettere agli altri un aiuto morale utile a superare le enormi difficoltà che la vita talvolta riserva con imprevedibili, drammatici eventi.

Nonostante la sua condizione di disabilità Chiara, forte della sua bellezza anche “interiore”, ha partecipato all’edizione 2018 di Miss Italia ed è arrivata in terza posizione.

Per lei è stata un’esperienza di cui conserva un ricordo positivo: un modo per dimostrare che la bellezza di una donna va oltre l’aspetto esteriore ed, al contempo, per divulgare un messaggio di vicinanza e solidarietà a tutti i giovani che sono o “si sentono”, in qualche modo, delle persone diverse dagli altri.

In quest’incontro Chiara ha inviato un feedback positivo sui giovani, tanto che sono state numerose le domande e gli interventi in cui i giovani interlocutori hanno presentato il loro vissuto esperienziale.

Qualche giorno prima, sempre nel salone della Comunità di Via Veneto, l’Associazione Il Ponte ha offerto a tutti i poveri, agli anziani soli, ai disabili ed ai senza tetto della città il “Pranzo di Solidarietà” che, come ogni anno ormai da 15 anni, si svolge l’ultimo giorno dell’anno, ora anche in ricordo del compianto Don Egidio. Quest’anno sonno stati chiamati a collaborare nel “servizio” ai più sfortunati i Campioni dello Sport di ieri e di oggi della nostra città, che numerosi hanno risposto all’invito per una giornata all’insegna della spensieratezza e della amicizia nei confronti del nostro prossimo che tanto ha bisogno di sentire il calore delle feste natalizie.
Per questo ringraziamo tutte le associazioni sportive che hanno collaborato alla riuscita della manifestazione e che sono sempre disponibili, anche nei confronti degli ospiti della Comunità, consentendo loro di praticare le più varie discipline sportive al pari di tutti i giovani della loro età.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY