S. Marinella. Proseguono gli incontri di preparazione al matrimonio civile

0
281

SANTA MARINELLA – Si è svolto mercoledì scorso, nella splendida cornice della “Casina Rosa” di Santa Marinella, il quarto incontro di preparazione al matrimonio civile, a cura dell’Ufficio Anagrafe del Comune.
Tra i relatori, il delegato alle Politiche Giuridiche e Legalità, avvocato Marco Valerio Verni (co-promotore del progetto), lo psicologo e psicoterapeuta Marco Marchetti e la responsabile del suddetto ufficio, Carla Rocchi.
“Siamo entrati – ha dichiarato l’avvocato Verni – nella seconda fase in cui abbiamo suddiviso idealmente il percorso, e che riguarda la crisi del rapporto coniugale, all’interno della quale abbiamo iniziato ad affrontare, naturalmente, la separazione ed il divorzio, sia sotto il profilo giuridico che psicologico, studiando le dinamiche ad essa (crisi) sottese, ma anche conseguenti. Con particolare riguardo al regime, importantissimo, dell’affido condiviso degli eventuali figli minori presenti nella coppia, che hanno diritto a continuare ad avere rapporti paritetici con entrambi i genitori, i quali sono chiamati, dal canto loro, a non far ricadere, su di essi, la loro, purtroppo inevitabile, conflittualità. Ma anche su quest’ultima, si può lavorare molto, specialmente attraverso la mediazione. Continuo a ribadire la bontà di questa iniziativa, che vuole fornire gli strumenti, ai giovani sposi, ma anche a coloro che lo sono da tempo, per affrontare con più consapevolezza le enormi sfide che il matrimonio comporta”.
Gradita, a margine dell’incontro, la presenza, ormai costante, di alcuni giovani artisti della città che, come la volta precedente, hanno esposto alla platea presente alcune loro opere riguardanti diversi momenti inerenti la vita matrimoniale, ritratti attraverso la fotografia (Pamela De Luca), il disegno (Natasha Grillo) e la pittura (Viola Rojo).
L’appuntamento per il prossimo incontro è fissato, sempre presso la “Casina Rosa”, per il prossimo 6 aprile, alle ore 17,00.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY