Pascucci: “In area metropolitana continua l’inerzia dei 5 stelle”

0
257

CERVETERI – “L’approvazione del Bilancio 2017 della Città metropolitana di Roma Capitale è l’ultimo atto di responsabilità del gruppo Consiliare ‘Le Città della Metropoli’ a Palazzo Valentini, di cui faccio parte. Il fallimento in questo Ente del governo della Raggi è ormai certificato. È tempo di cambiare passo, anche perché la Città Metropolitana ed i suoi territori hanno bisogno di un buon governo, di programmazione, di scelte. I Sindaci ed i cittadini chiedono risposte e tempi certi per il miglioramento della viabilità, le infrastrutture, il controllo ambientale, la sicurezza nelle scuole. La Raggi fin dall’inizio del suo mandato è assente ingiustificata nelle stanze di Palazzo Valentini, e lo scontro interno al Movimento alimenta l’immobilismo”. Lo ha dichiarato Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri e Presidente della Commissione Bilancio dell’Area Metropolitana di Roma.

“Il gruppo ‘Le Città della metropoli’ – continua Pascucci – è un modello di laboratorio politico che sta funzionando. Mette insieme esperienze sia civiche che partitiche, che condividono il comune obiettivo del buon Governo. Un modello che sta funzionando nella Regione Lazio ed in altre realtà, che produce idee e vuole essere aperto ed includente”.

Il 19 gennaio alle ore 12 – conclude Pascucci – abbiamo perciò deciso di organizzare un incontro nella Sala di Liegro di Palazzo Valentini, aperto agli Amministratori Locali ed ai media, che vuole quindi essere un primo appuntamento centrale, al quale seguiranno incontri tematici e sui territori. L’obiettivo è duplice: da una parte raccogliere le esigenze ed i suggerimenti di tutti gli Amministratori locali che sono in prima linea nei loro Comuni, alle prese con le emergenze quotidiane, e che hanno bisogno di punti di riferimento nelle Istituzioni superiori. Dall’altra il nostro racconto su alcune emergenze del nostro Ente: dagli undici milioni di euro da utilizzare subito per la manutenzione delle strade del quadrante sud e fermi per i veti grillini, alle situazioni di degrado ambientale, fino alle mancate risposte sulla sorte dei dipendenti della società in house Capitale lavoro”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY