Numeri impressionanti per il progetto “Nessuno si salva da solo”

0
260

LADISPOLI – A volte i numeri esprimono meglio di qualsiasi altra cosa il buon esito di un’iniziativa e quelli di “Nessuno si salva da solo” – progetto di Animo Onlus nato in collaborazione con l’assessorato alle politiche sociali del Comune di Ladispoli che prevede la raccolta e distribuzione di abiti e accessori usati per bambini da zero a dodici anni – sono impressionanti.
In poco più di un anno di attività i volontari dell’associazione hanno raccolto tra la cittadinanza ladispolana più di 30.000 abiti e accessori che – una volta selezionati e inventariati – sono stati poi redistribuiti, sotto forma di 463 kit invernali ed estivi, a 265 bambini residenti a Ladispoli. Le famiglie attualmente seguite sono 165. Inoltre, grazie all’aiuto di Comifar Spa si è provveduto a consegnare ai bambini più piccoli più 100 kg di latte in polvere.
“Quando abbiamo iniziato ad aprile dello scorso anno – afferma Sara Candelletta, responsabile del progetto – non avremmo mai creduto di raggiungere questi risultati. Volevamo aiutare qualche famiglia di Ladispoli ma poi settimana dopo settimana le famiglie che chiedevano aiuto aumentavano così come le buste di abiti e accessori che tantissimi cittadini ci lasciavano nei punti raccolta sparsi nella città. Da piccolo fiocco di neve “Nessuno si Salva da solo” si è trasformato presto in una valanga piena di solidarietà e partecipazione”.
“Vorrei ringraziare a nome di tutta Animo Onlus – continua Sara Candelletta – i tantissimi volontari, arrivati oggi a più di 30, che ogni settimana si impegnano a inventariare, coordinare, confezionare e distribuire i kit destinati ai bambini di Ladispoli. E naturalmente un plauso è indirizzato anche a tutti quei cittadini che hanno donato abiti e accessori da riutilizzare. Il successo di questa iniziativa è stato veramente il risultato di uno sforzo collettivo di solidarietà e condivisione che grazie ad Animo Onlus si è innescato nel territorio di Ladispoli”.
Il progetto nato nell’aprile dello scorso anno per contribuire a porre rimedio alla crisi economica che ha colpito tantissime famiglie del territorio nei fatti è diventato qualcosa che travalica l’esperienza emergenziale.
“Nessuno si salva da solo – afferma Gianfranco Marcucci, presidente di Animo Onlus – è nato prima di ogni altra cosa per diffondere nel territorio la cultura del riuso e del riciclo e rientra pienamente nel concetto di comunità solidale ed ecosostenibile che la nostra associazione auspica diventi prassi diffusa in questo nostro territorio. Quando con il tempo molte famiglie assistite hanno cominciato ad offrire, in cambio del kit che noi donavamo, altri vestiti o accessori non più usati dai loro figli, abbiamo capito che la logica dello scambio si era ormai innescata e che l’obiettivo di fondo, il riuso come pratica quotidiana, era stato centrato”.

”Esperienze come la nostra – conclude il presidente di Animo Onlus – rimettono in gioco valori come la condivisione, la solidarietà, la logica del dono che sono linfa vitale per qualsiasi comunità. Veniamo da decenni dove ha dominato la cultura del profitto in ogni aspetto della nostra vita, il consumo come fine ultimo dell’esistenza umana, la competizione come cifra distintiva nei rapporti tra le persone, l’individualismo come modello dominante. Il risultato è stato un aumento delle diseguaglianze e un impoverimento economico e morale. Per ripartire e ridare senso al nostro vivere insieme serve promuovere e realizzare – soprattutto nei territori – progetti come il nostro”.
Ora “Nessuno si salva da solo” si ferma per l’estate ma tornerà a settembre per continuare questa splendida avventura solidale ed ecosostenibile. Per informazioni sul progetto: www.associazioneanimo.org

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY