Ladispoli. “Per Fare un Albero”, piccoli ambientalisti crescono

0
355
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

TARQUINIA – Fare Verde esprime soddisfazione per la grande partecipazione delle scuole alla terza fase di “Per Fare un Albero”. Sono state ben 22, infatti, le classi dell’Istituto Comprensivo Corrado Melone ad aderire all’iniziativa.

L’idea è nata all’indomani degli incendi della scorsa estate e che soprattutto ha fatto i maggiori danni proprio nel Bosco di Palo, polmone verde del territorio. Il progetto fino ad ora si è sviluppato in tre fasi: la prima informativa, in cui i volontari hanno accompagnato in delle visite guidate nel bosco tutti i visitatori, spiegando quello che è successo a seguito degli incendi della scorsa estate e tutte le problematiche che affliggono il bosco; la seconda promozionale, denominata “I bambini custodi del bosco”, dove con un concerto della scuola di musica IEEM Rievoluzione Musicale al Centro Polifunzionale i volontari hanno cercato di far conoscere lo scopo dell’iniziativa a tutta la città e dove sono stati raccolti fondi per sostenere l’iniziativa.

Ora – spiega Walter Augello responsabile Fare Verde Ladispoli-Cerveteri – con ‘Per Fare un Albero’ guardiani del bosco è partita la terza fase, quella dell’azione concreta che porterà grazie all’aiuto delle scuole a far crescere alberi da poter piantare sia nel bosco che nella città e dove ogni bambino negli anni potrà continuare a veder crescere insieme a lui l’albero custodito e magari farlo vedere un giorno ai propri figli. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza l’impegno dell’assessore Marco Milani, delle associazioni naturalista Antonio Piccoli Pizzuti e, di tutti quei cittadini e delle associazioni ‘Alsium’, ‘Natura per Tutti’ onlus ‘Fare Verde Ladispoli Cerveteri’, Guardie Zoofile del NOGRA Ladispoli, la scuola di musica IEEM Rievoluzione Musicale, il periodico ‘La Coccinella news’, il dottor Andrea Alabiso della Salus Medical Center e il signor Mattia Sgalippa di ‘Pianeta Feste’ che hanno sostenuto da subito le nostre iniziative. Ma il grazie più grande va a tutti i cittadini di Ladispoli di e tutti i bambini delle scuole tutti che hanno aderito e stanno partecipando a questo bel progetto”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY