La Mtb S. Marinella-Cicli Montanini sul tetto nazionale della 24 Ore Mtb Challenge

0
188

SANTA MARINELLA – L’intensa stagione delle gare endurance per la Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini si è chiusa con il massimo riconoscimento a livello nazionale della 24 Ore Mtb Challenge.
Un cammino agonistico denso di sudore, chilometri, divertimento e tanto fondo nelle gambe degli atleti che si sono resi protagonisti sui campi gara di Finale Ligure (dove il sodalizio santamarinellese ha vinto il titolo europeo), Stevenà, Serenissima e Roma.
Per la squadra presieduta da Stefano Carnesecchi è stato un viaggio lungo, faticoso e dispendioso ma ogni atleta ha ripagato con la gloria e con l’impegno tutte le aspettative al fine di cogliere uno dei principali obiettivi prefissati dall’inizio di stagione.
La Mtb Santa Marinella ha vinto la classifica da otto maschile con il leader Gianfranco Mariuzzo e altrettanto ha fatto in quella femminile con a capo Elisabetta Dani, più il secondo posto tra i solitari di Morgan Pilley e il quarto di Gianluca Piermattei.
Grande soddisfazione nell’entourage santamarinellese nella persona del presidente Carnesecchi che è entusiasta del risultato acquisito dai propri atleti al termine di un’altra grande performance che ha confermato la Mtb Santa Marinella ai vertici del panorama nazionale delle gare endurance.
Nel ciclocross dove il team verde-fluo ha brillato nella seconda gara ufficiale della stagione invenrale delle due ruote con la partecipazione al Borgocross di Caserta Vecchia nel segno di Armando Mattacchioni (primo tra i master 6), Massimo Negossi (terzo tra i master 5), Antonella Casale (seconda tra le master donna 2) e Daniele Panzarini (sesto nella gara open).
La stagione fuoristrada per la Mtb Santa Marinella si chiude ufficialmente domenica 18 ottobre con la 6 Ore degli Etruschi nella nuova location della sughereta di Pomezia con la Mtb Santa Marinella nell’organizzazione dell’evento di concerto con il Bike Farm e il supporto della Wonder Bikers Pomezia.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY