Cerveteri. Il centrodestra si ricompatta in vista delle elezioni amministrative

0
108

CERVETERI – Il centrodestra si ricompatta in vista delle elezioni amministrative. Lista Civica Cambiare Cerveteri, Noi con Salvini, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Terra Libera, Vivi Cerveteri nei Tredici Territori hanno infatti formalizzato “un accordo di unità d’intenti e di programma, un accordo che mira, con lealtà e concretezza, a riportare il comune di Cerveteri ad una vera funzionalità”.
“Lealtà – spiega il coordinatore della coalizione, Vilma Pavin – perché i gruppi politici sopracitati, si propongono in prima linea al governo del nostro Comune con un nuovo modo di far politica, una politica al servizio dei cittadini tutti e sopratutto per coloro che in questi ultimi anni si sono trovati in seria difficoltà, economica e sociale. Una politica pulita senza balzelli da una parte all’altra dei gruppi consiliari e chiariamo meglio: chi sarà eletto al consiglio comunale dovrà rimanere fedele al gruppo consiliare di appartenenza. Concretezza, formulare un programma di lavoro senza libri delle favole, questo significa analizzare in concreto le risorse comunali e sulla base di questo verificare quali progetti sia possibile attuare tempestivamente secondo le dovute priorità, utilizzando la grande quantità di finanziamenti europei a cui accedere attivando un serio e competente ufficio per l’elaborazione di progetti mirati allo sviluppo e miglioramento del territorio. Un rilancio concreto e serio delle attività commerciali e turistiche”.
“È la prima volta dopo quasi 20 anni che il Centro Destra torna Unito, senza se e senza ma, questo può solo gratificare ed inorgoglire chi ha lavorato per far si che questo ‘sogno’ sia divenuto realtà. Nei prossimi giorni sarà – conclude – resa nota la figura della persona idonea a guidare la coalizione, individuata tra una rosa di candidati di alto profilo professionale e di indubbia statura morale, principi fondamentali di questa rinnovata unione”.

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY